Un giardino di profumi.

 

Questo vino segna l’incontro tra due varietà autoctone liguri: il Vermen___o e l’Ormea__o.

Le uve sono pressate sofficemente e il mosto è raccolto in un serbatoio di acciaio inox, dove s’innesca la fermentazione, a sola opera dei lieviti indigeni. Il vino affina sulla feccia nobile di fermentazione per almeno 6 mesi. Non è successivamente chiarificato né filtrato. L’imbottigliamento avviene in momenti diversi da maggio a settembre seguendo l’influsso di Luna e costellazioni.

Per la gestione del vigneto non è stato utilizzato alcun fitofarmaco, solo preparati biodinamici, macerati di vegetali ed esigue quantità di rame e zolfo. In cantina solo uva e nessun additivo enologico.