Il miele in favo

Il miele è un alimento che l’essere umano conosce ormai abbastanza bene. Sono note anche le sue proprietà nutritive e il suo gusto, tuttavia il miele in favo è ancora poco conosciuto.
Di cosa si tratta?
Anche se ai meno esperti può suonare come un artificio umano, non lo è affatto: sono state le api ad inventarlo per noi, e da sempre. Il favo infatti, è un elemento importante nell’architettura dell’alveare, ed è creato dalle api da miele (Apis Mellifera). Le api producono una cera particolare con cui costruiscono moltissime cellete esagonali quasi perfette che servono a contenere la loro covata, il polline e per tenere delle scorte di miele che di norma (e soprattutto nell’apicoltura biologica) è il loro principale nutrimento.
Questo miele all’interno del favo è “integrale”, quindi molto diverso da quel miele che siamo soliti comprare al supermercato, che ha una consistenza diversa perché prima di essere venduto viene separato dal suo favo per poi essere pastorizzato e filtrato.

Le proprietà del miele in favo

Il favo è una risorsa importante per la nostra alimentazione: è ricco di antiossidanti, carboidrati e tracce di altre sostanze nutritive. La cera d’api che lo compone contiene alcoli e acidi grassi a catena lunga che risultano salutari per il cuore e contribuiscono a ridurre il livello di colesterlo presente nel sangue. La cera può essere solo masticata come una gomma, ma se ingerita può apportare benefici rilvanti al fegato.
La sua composizione è in prevalenza (tra il 95% e il 99%) miele grezzo, che è fonte di zucchero e acqua ma anche di piccole quantità di proteine e vitamine. Un grande vantaggio del miele in favo rispetto al miele convenzionale è proprio il fatto di non venire in alcun modo processato prima di essere preparato alla vendita: le sue proprietà nutritive non sono assolutamente alterate. Comprando del miele in favo si è sicuri di alimentarsi proprio con quel miele che solo poco tempo fa si trovava in un alveare. Se poi questo alveare è stato curato secondo metodi biologici o biodinamici, è facile intuire l’importanza di assumere in maniera pura un alimento di così salutare.
Una delle caratteristiche in assoluto più rilevanti di questo miele è infatti la presenza al suo interno di numerosi enzimi che attraverso il riscaldamento e il filtraggio usati per lavorare il miele commerciale, vengono distrutti. La maggior parte sono enzimi che possiedono proprietà antimicrobiche e antibatteriche (es.: glucosio ossidasi).
È inoltre un miele che contiene più antiossidanti (i polifenoli) del miele lavorato, fino a 4 volte in più: i polifenoli sono essenziali per contrastare diabete, malattiee cardiache e persino alcune tipologie di cancro.
Le proprietà di questo miele grezzo, che combinano i benefici della cera d’api con quelli di un miele non trattato, sono inestimabili.
Ma un altro beneficio da tenere in considerazione è il gusto: ha un sapore nettamente diverso da quello commerciale! Il motivo è che il miele che si compra nei vasetti, quando è lavorato con la centrifuga che lo sepra dal suo favo, subisce un forte contatto con l’aria e un notevole riscaldamento, che inevitabilmente ne causa la dispersione di parte della componente aromatica.
Questo non accade al miele in favo, la cui unica manipolazione è quella prodotta dalle api!

Come mangiarlo

Come spiegato sopra, può essere sia masticato come una gomma sia ingerito, e forse questo è il modo migliore di gustarlo le prime volte. Non bisogna temere per la sua conservazione: il miele in favo resiste anche per lunghi periodi, se lasciato a temperatura ambiente. Potrebbe cristallizzarsi, ma le sue proprietà rimarranno intatte.
Per chi non vuole separare il favo dal suo miele, questo è un prodotto ottimo anche per essere degustato insieme a formaggi stagionati e salumi, ma ha il suo perché anche insieme ad alcuni tipi di insalate o frutta. È un elemento che sicuramente stupirà i vostri ospiti a tavola, data la sua rarità in cucina.
Tuttavia, per chi non vuole rinunciare al miele classico, è facilissimo estrarlo dalle sue cellette: basterà l’uso di una semplice forchetta.
In questo modo potrà essere gustato come dolcificante naturale nelle bevande calde, nello yogurt magro, nella praparazione dei dolci o, perché no, anche su una semplice fetta di pane alla mattina.

Un apicoltore consapevole

Dopo aver illustato le proprietà del miele in favo, è bene ricordare sempre l’estrema importanza di chi lo produce: le api. Molti di noi sanno quanto è essenziale la loro presenza sui nostri territori: senza di loro, i nostri fiori, i nostri campi, i nostri alberi, non saprebbero più riprodursi e i nostri campi sarebbero fortemente a rischio di sterilità. Passando di fiore in fiore, le api aiutano a mantenere il nostro ecoistema vivo! In agricoltura biodinamica infatti si dice che le api sono l’unico elemento del mondo animale che sarà sempre in grado di connettere uomo e natura. Il motivo di tutto ciò sta nella loro composizione: il loro liquido interno si chiama emo-linfa, a metà dunque tra il sangue degli esseri umani e la linfa dei vegetali.
Senza questo connettore, non saremmo qui oggi molto probabilmente.
L’apicoltore biodinamico ha quindi una sensibilità in più nella cura delle api, che sa essere vitali per l’uomo, per impedire la diffusione di monoculture intensive e favorire la biodiversità, per rendere la sua azienda agricola sostenibile e multifunzionale.

Noi al Podere del Maro

Questi sono i nostri propositi da apicoltori, e per questo motivo ci impegnamo ogni giorno a garantire la qualità di tutto il processo produttivo: dalla salute e naturale crescita delle api, ad un prodotto che ne mantenga intatte al 100% le proprietà e l’aroma, e che renda giustizia al faticoso lavoro di questi animali. Il miele in favo è per noi tutto questo.
Per conoscere meglio questo miele, la nostra storia, il nostro lavoro quotidiano con le api, abbiamo pensato di lanciare un’iniziativa: “apicoltore per un giorno“. Su richiesta, sarà possibile vivere per un giorno la nostra quotidianità a contatto con le api: equipaggati con tute professionali e di tutti gli strumenti necessari, potrete vivere un’esperienza davvero unica.
Vi lasciamo inoltre, per un primo incontro con noi e una prima visita dell’azienda, il link del nostro prossimo evento sull’apicoltura.
A presto!

PREC.

La sfida del cambiamento climatico

SUCC.

Weekend nell’entroterra ligure a Borgomaro

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Possiamo aiutarti?